Alimentazione, obesità e prevenzione dei tumori

Alimentazione, obesità e prevenzione dei tumori

L’alimentazione influenza il rischio tumorale?

La quantità e la qualità degli alimenti che introduciamo quotidianamente con la dieta sono considerati fattori che contribuiscono a determinare il rischio di sviluppare un tumore.

I dati storici degli ultimi 25 anni indicano l’obesità e il sovrappeso negli adulti come causa di circa il 14% delle morti per cancro negli uomini e fino al 20% delle morti per cancro nelle donne.

Da queste percentuali s’intuisce che le conseguenze di un’alimentazione inadatta rappresentano verosimilmente il più importante fattore di rischio tumorale dopo la consuetudine al fumo.

L’obesità addominale è da considerarsi un fattore di rischio certo per lo sviluppo di neoplasie a carico del colon-retto e, probabilmente, anche per quelle a carico di pancreas, endometrio e seno(post menopausa).

Da sottolineare come, al contrario, la perdita di peso nelle donne, in particolar modo in quelle in post menopausa, riduce il rischio di cancro al seno.

Quali tipi di alimenti sono associati al rischio tumorale?

Nel 2007 sulla base di molti studi effettuati le maggiori società scientifiche per la ricerca sul cancro (AICR e WCRF) conclusero che il consumo di carne rossa e di carne conservata, era associabile con il tumore al colon-retto e che l’eccessiva assunzione giornaliera di sale e di cibi conservati in salamoia rappresentava una causa probabile di tumori allo stomaco.

Sempre secondo questi istituti scientifici risulta che il consumo di latte esercita probabilmente un’azione preventiva nei tumori al colon-retto e che possa proteggere dal tumore alla vescica.

Si può essere sicuri, invece, che il consumo di bevande alcoliche costituisca una causa certa per lo sviluppo di neoplasie a carico di bocca, faringe, laringe, esofago, colon-retto (uomini) e mammella (pre o post menopausa).

Bisogna avere una certa attenzione anche nel caso si volesse implementare la dieta giornaliera con integratori alimentari.

In soggetti fumatori la supplementazione con alti dosaggi di betacarotene è stato associato al tumore al polmone.

E’ fortemente sconsigliato integrare la dieta in modo autonomo e casuale con l’intenzione di prevenire qualche neoplasia, fatevi sempre consigliare da un nutrizionista.

Quali alimenti sono antitumorali e protettivi?

Per quanto riguarda il fronte della prevenzione, nei primi anni del nuovo secolo è stato dimostrato che un consumo quotidiano di ortaggi non amidacei e frutta, è fortemente associato a una riduzione del rischio di sviluppare una malattia tumorale e che cereali integrali, legumi, frutta e verdura, contengono una complessa serie di sostanze organiche che mostrano un’attività tra loro sinergica con potenzialità antiossidanti, antiproliferative e oncoprotettive.

Ecco allora di seguito delle raccomandazioni dietetiche specifiche finalizzate alla prevenzione oncologica:

  1. Mantieniti più magro che puoi all’interno dell’intervallo di normalità (18,5<BMI<24.9)
  2. Limita il consumo di cibi troppo calorici e bevande zuccherate
  3. Consuma principalmente alimenti di origine vegetale
  4. Limita il consumo di carne rossa e di carne conservata
  5. Limita le bevande alcoliche
  6. Limita il consumo di sale e di alimenti ricchi di sale
  7. Non utilizzare integratori alimentari o nutraceutici nella prevenzione oncologica senza consultare prima un nutrizionista.
  8. Se sei madre allatta al seno
  9. Se sei guarito dal cancro continua a seguire un regime alimentare adeguato e raccomandato da nutrizionisti qualificati.

Inoltre mantieniti fisicamente attivo ogni giorno.

L’obesità provoca una parte importante di tutti i tumori, e prove recenti suggeriscono che la perdita di peso degli adulti riduce sensibilmente il rischio di cancro. 

Seguire una dieta sana ed equilibrata consente di ottenere un effetto protettivo verso i tumori attraverso complessi meccanismi metabolici che permettono il controllo insulinico, la riduzione del tessuto adiposo e la diminuzione del tempo di transito intestinale degli alimenti.

condividi su
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr


Strumenti Utili

BMI,
Indice di massa corporea

Calcolo online dell'indice di massa corporea

vai al BMI
CC,
Consumo calorico nell'attività fisica

Calcolo online del consumo calorico nell'attività fisica

vai al CC
MB,
Metabolismo Basale

Calcola il tuo metabolismo basale

vai al MB

Dottore Nutrizionista

Giulio D'Aurizio

specialista dell'alimentazione regolarmente abilitato riceve per appuntamento nei seguenti studi

Vasto,
studio privato

Via Goldoni, 8
angolo con via Madonna dell'Asilo

347 65 60 242
347.6560242
Torino Di Sangro,
Centro Tauros

Via Alcide De Gasperi, 4

0873 91 35 65
347 65 60 242
Casalbordino,
Poliambulatorio Casalus

Via Portanuova, 2

347 65 60 242