La dieta per il cervello

La dieta per il cervello

Perché nutrire il cervello?

Il cervello è un organo molto “avido” di energia che ha la necessità di essere nutrito costantemente con i cibi giusti per restare in salute e mantenersi in perfetta efficienza.

I cibi che introduciamo con l’alimentazione quotidiana sono importanti perché aiutano il cervello a svolgere le normali funzioni e, se scelti in maniera attenta, possono contribuire a ritardare l’invecchiamento cognitivo e a prevenire alcune malattie degenerative tipo l’Alzheimer.

Per proteggere i neuroni dal prematuro decadimento funzionale, oltre a praticare un’attività fisica costante, è opportuno che la dieta si completa e comprenda quasi ogni giorno cibi integrali, verdure a ogni pasto principale e tantissimi antiossidanti.

Di cosa si nutre il cervello?

Il cervello si nutre principalmente di zuccheri, infatti, quando ha bisogno di energia, e in condizioni di normalità, i neuroni utilizzano unicamente il glucosio, uno zucchero semplice, senza il quale molti messaggeri chimici del nostro cervello non potrebbero svolgere le loro funzioni.

E’ assolutamente indispensabile che il livello di glucosio nel sangue sia costante e ottimale e per ottenere questo e non avere problemi di annebbiamenti e/o di deficit cognitivi è opportuno che l’energia ricavata dal cibo sia distribuita in modo equilibrato nei classici cinque pasti al giorno.

Oltre al glucosio è importante anche lo stato d’idratazione del cervello.

L’acqua è essenziale per ogni reazione chimica nel nostro corpo, in special modo nel cervello che ne è composto per più del 70/80%.

Per questo è fondamentale bere molto, almeno 1,5 litri di acqua al giorno, perché una diminuzione dello stato d’idratazione, anche solo del 2-3%, può essere causa di stanchezza mentale, confusione e affaticamento.

Il nostro cervello ha bisogno anche di grassi buoni, quelli contenuti nei pesci grassi dei mari del nord, gli omega-3.

I grassi del tipo omega- 3 (nello specifico quello chiamato DHA) sono la maggior parte dei grassi contenuti nel cervello e sono esclusivamente introdotti con la dieta per questo è importante assumerli costantemente attraverso l’alimentazione per mantenere sano e giovane il cervello.

Fonte eccellente di omega-3 è il pesce azzurro: acciughe, sarde e sgombro ne sono ricche ma anche pesci come il salmone.

Quali cibi sono consigliati per un cervello in salute?

Ci sono, inoltre, altri cibi che per le loro proprietà benefiche, essendo ricchi di antiossidanti, vitamine e minerali, dovrebbero essere presenti in un’alimentazione che si prefigge di proteggere il cervello dal decadimento cognitivo.

Ecco allora otto ottimi cibi per “nutrire” la mente:

  1. Mirtilli e amarene. Ricche di flavonoidi, proteggono il cervello anche grazie all’importante presenza di sali minerali, polifenoli, tannini, vitamine C ed E. Consumarli settimanalmente migliorano l’elasticità dei vasi sanguigni e la funzionalità delle cellule nervose e riduce anche il rischio di sviluppare demenza da Alzheimer;
  2. Frutta secca. Mandorle e noci sono ricche di omega 3 e 6, stimolano il cervello al rilascio di ormoni antidepressivi. Le mandorle contengono anche la vitamina B12 che aiuta la memoria, gli anacardi, invece, il magnesio che migliora la circolazione del sangue e l’apporto di ossigeno, vitale per le funzioni cerebrali;
  3. Cavolo rosso. Simile al cavolo cappuccio è ricco di antocianine dal forte potere ossidante che ne determinano anche il colore. La presenza di polifenoli, vitamina K e altri numerosi minerali aiutano a prevenire i danni al sistema nervoso migliorando le difese contro l’Alzheimer e la demenza senile. Inoltre, supporta la concentrazione e migliora la memoria e l’apprendimento;
  4. Stimola indirettamente la produzione di messaggeri chimici fondamentali nei meccanismi cognitivi e nelle funzioni motorie;
  5. Ricchi di licopene che con il suo potere antiossidante contrasta gli effetti negativi dei radicali liberi e aiuta a prevenire alcune malattie degenerative;
  6. Trasformato e utilizzato, nel cervello, aumenta i livelli di una proteina (creb), coinvolta nella memoria e nell’apprendimento;
  7. Con il contenuto di grassi mono-insaturi è importante per la regolazione del colesterolo e la salute del sistema circolatorio;
  8. Il contenuto di vitamine del gruppo B (b6, b12 e acido folico) riducono i livelli del sangue di omocisteina che sono associati a un aumento del rischio d’ictus, deterioramento cognitivo e a malattia di Alzheimer.
condividi su
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr


Strumenti Utili

BMI,
Indice di massa corporea

Calcolo online dell'indice di massa corporea

vai al BMI
CC,
Consumo calorico nell'attività fisica

Calcolo online del consumo calorico nell'attività fisica

vai al CC
MB,
Metabolismo Basale

Calcola il tuo metabolismo basale

vai al MB

Dottore Nutrizionista

Giulio D'Aurizio

specialista dell'alimentazione regolarmente abilitato riceve per appuntamento nei seguenti studi

Vasto,
studio privato

Via Goldoni, 8
angolo con via Madonna dell'Asilo

347 65 60 242
347.6560242
Torino Di Sangro,
Centro Tauros

Via Alcide De Gasperi, 4

0873 91 35 65
347 65 60 242
Casalbordino,
Poliambulatorio Casalus

Via Portanuova, 2

347 65 60 242