Le 6 regole per preparare il caffè con la Moka

Le 6 regole per preparare il caffè con la Moka

Cos’è la moka?

Preparare il caffè con la moka, magari subito dopo il pasto, è un vecchio rito giornaliero che si tramanda immutato da generazioni.

Non tutti però sono attenti nel prepararlo e ignorano alcune indicazioni che, se seguite, rendono sempre gustoso l’aroma del caffè.

La moka è una caffettiera ideata in Italia e usata per la preparazione del caffè.

Il termine deriva dal nome di un porto Yemenita dove gli scambi commerciali di caffè qualità arabica, la più pregiata, erano molto fiorenti.

Per gli ospiti, a quel tempo, vedersi servire come bevanda il “caffè di Moka” era sinonimo di qualità.

Il caffè fa male?

Un consumo moderato di caffè, da 1 a 3 tazzine al giorno, ha effetti positivi sulle persone sane.

Bere caffè aumenta la concentrazione, stimola la motilità intestinale, aumenta la diuresi e, a giuste dosi, la caffeina contenuta nella bevanda migliora la performance nell’esercizio fisico.

Sai qual è il caffè più costoso al mondo? Il Kupi Luwak.

Come preparare un buon caffè con la moka?

Ognuno ha il proprio modo di farlo, ma per ottenere sempre la massima bontà e bene seguire alcuni consigli.

Ecco delle regole per ottenere un caffè dal gusto sempre intenso e aromatico:

  1. Sceglierete l’acqua giusta. Se quella del rubinetto è molto calcarea meglio preferire l’acqua oligominerale non gassata.
  2. Controllate il livello. L’acqua non deve mai superare la valvola di sicurezza, raggiungere il filtro e bagnare il caffè.
  3. Non pressate. Riempite il filtro con il caffè in polvere senza mai pressare, altrimenti l’acqua passa con difficoltà, non estrae tutte le sostanze e il gusto della bevanda risulta meno aromatico.
  4. Regolate a fiamma. All’inizio potete tenerla alta per scaldare più in fretta l’acqua; poi, abbassatela al minimo, soprattutto quando l’acqua sta per salire: solo così riesce a passare lentamente tra i granuli di polvere e a estrarre tutte le sostanze aromatiche.
  5. Spegnete subito. Quando il caffè è “uscito” del tutto, cioè è passato nel corpo superiore della caffettiera, non deve più restare sul fuoco, altrimenti la bevanda comincia a bollire e prende uno sgradevole gusto di bruciato.
  6. Mescolate sempre prima di servire. Il caffè che esce all’inizio è più concentrato e denso di quello finale più diluito e chiaro. Mescolando nella caffettiera con un cucchiaino, potete servire lo stesso caffè dalla prima all’ultima tazzina.

Come allungare la vita alla caffettiera?

Per un buon caffè è indispensabile anche che la caffettiera sia trattata con cura e conservata sempre nel migliore dei modi.

Ecco dei consigli per la “manutenzione” della moka.

  1. Non lasciatela mai chiusa con i fondi dentro dopo l’uso.
  2. Lavatela sempre dopo ogni utilizzo sotto l’acqua calda o bollente ma senza sapone. Aiutatevi con uno spazzolino per eliminare i granelli, che tendono a irrancidire.
  3. Evitare detersivi, specie quelli molto profumati, e utilizzate solo saltuariamente la lavastoviglie poiché questo tipo di lavaggio tende a rimuovere la pellicola protettiva del metallo della caffettiera.
  4. Lasciatela asciugare aperta e conservatela aperta, per evitare che si sviluppino muffe.
  5. Pulite sempre la guarnizione di gomma e sostituitela appena notare uscire il vapore dalla chiusura durante l’uso.
  6. Fate funzionare le caffettiere nuove, e quelle che non usate da molto tempo, con acqua, bicarbonato e un po’ di caffè, per almeno un paio di volte.

Ora si che potete preparare un buon caffè con la moka.

condividi su
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr


Strumenti Utili

BMI,
Indice di massa corporea

Calcolo online dell'indice di massa corporea

vai al BMI
CC,
Consumo calorico nell'attività fisica

Calcolo online del consumo calorico nell'attività fisica

vai al CC
MB,
Metabolismo Basale

Calcola il tuo metabolismo basale

vai al MB

Dottore Nutrizionista

Giulio D'Aurizio

specialista dell'alimentazione regolarmente abilitato riceve per appuntamento nei seguenti studi

Vasto,
studio privato

Via Goldoni, 8
angolo con via Madonna dell'Asilo

347 65 60 242
347.6560242
Torino Di Sangro,
Centro Tauros

Via Alcide De Gasperi, 4

0873 91 35 65
347 65 60 242
Casalbordino,
Poliambulatorio Casalus

Via Portanuova, 2

347 65 60 242