Mangiare un gelato può sostituire un pasto?

Mangiare un gelato può sostituire un pasto?

Si può sostituire un pasto con un gelato?

Il gelato è un dolce piacere quasi irrinunciabile nelle lunghe giornate d’estate.

Complice il caldo e la stagione estiva, magari trovandosi in spiaggia al sole, è frequente la tentazione di rinunciare a consumare un normale pasto per sostituirlo con un gelato, assecondando così anche la voglia di golosità.

Nonostante quello che si pensa o che si senta dire in giro questa non è assolutamente una buona abitudine sostituire un pasto con un gelato.

Perché non è corretto farlo?

Il contenuto calorico e nutrizionale di un gelato, sia esso un cono o un ghiacciolo, non copre il fabbisogno alimentare di nessuno dei pasti principali della giornata.

Un cono gelato medio di 120-130 g, per esempio alle creme con la panna, fornisce mediamente 380 Kcal che non sono paragonabili a quelle che si dovrebbero assumere consumando un pranzo (760 Kcal) o una cena (550 Kcal) completi.

Quali sono le differenze rispetto a un pasto completo?

Un cono gelato medio ha, inoltre, un apporto tra i vari nutrienti (carboidrati, proteine e grassi)
sensibilmente diverso rispetto a un normale pasto (pranzo o cena) e questo rapporto è anche fortemente sbilanciato verso un eccesso di grassi.
Un pasto completo, invece, fornisce in modo equilibrato tutti i nutrienti necessari e la quantità giusta di calorie per fabbisogno della giornata.

Lo squilibrio nutrizionale diventa ben peggiore, però, se si decide di sostituire il pasto con un ghiacciolo.
Il ghiacciolo è composto solo da zuccheri, nello specifico zuccheri semplici, che non solo non saziano e non forniscono sufficienti energie ma se è mangiato anche con l’intento di dissetarsi produce un paradossale effetto opposto.

Inoltre, consumare un pasto composto da soli zuccheri semplici non sazia a dovere e spinge, qualche ora più tardi, alla ricerca di quel senso di soddisfazione che il più delle volte termina solo trangugiando i così detti “cibi spazzatura”.

Invece, mangiare un pasto completo permette, oltre ad assumere tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno, di stimolare il raggiungimento del senso di sazietà e di pienezza e consente di proseguire tranquillamente la giornata senza cadere in grosse “tentazioni”.
Tutto questo avviene per merito del giusto apporto di zuccheri complessi e soprattutto per la presenza di fibre.

Un piccolo gelato, meglio se alla frutta, tuttalpiù è più indicato consumarlo come spuntino (non quotidianamente però) tra i pasti principali, così da appagare anche quella voglia di “qualcosa di buono”.

E’ sconsigliabile, quindi, cercare di sostituire i pasti principali mentre si raccomanda di consumarli sempre in modo completo così da non cadere, in seguito, in evitabili peccati di gola.

condividi su
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr


Strumenti Utili

BMI,
Indice di massa corporea

Calcolo online dell'indice di massa corporea

vai al BMI
CC,
Consumo calorico nell'attività fisica

Calcolo online del consumo calorico nell'attività fisica

vai al CC
MB,
Metabolismo Basale

Calcola il tuo metabolismo basale

vai al MB

Dottore Nutrizionista

Giulio D'Aurizio

specialista dell'alimentazione regolarmente abilitato riceve per appuntamento nei seguenti studi

Vasto,
studio privato

Via Goldoni, 8
angolo con via Madonna dell'Asilo

347 65 60 242
347.6560242
Torino Di Sangro,
Centro Tauros

Via Alcide De Gasperi, 4

0873 91 35 65
347 65 60 242
Casalbordino,
Poliambulatorio Casalus

Via Portanuova, 2

347 65 60 242