Panettone e pandoro: ci sono differenze caloriche?

Panettone e pandoro: ci sono differenze caloriche?

Meglio il panettone o il pandoro?

Il panettone e il pandoro che si gustano nel periodo natalizio sono i più caratteristici dolci italiani.

Nonostante siano dei dolci semplici, sono anche molto complessi da realizzare tra la mura domestiche.

Sulla loro nascita si raccontano storie molto fantasiose ma come tutti i dolci la scoperta culinaria fu solo una causalità.

La storia più avvalorata sulla nascita del panettone racconta che a palazzo Sforza, al termine di un gustoso pranzo natalizio, si scopri che il dolce preparato dal cuoco era irrimediabilmente rovinato.

Fu un’aiutante del cuoco, di nome Toni, che propose di “ricomporre” il dolce con la pasta lievitata avanzata.

Nacque così l’antesignano del panettone, il pan di Toni.

Ma ci sono differenze caloriche ? 

 Le differenze caloriche e nutrizionali tra il panettone e il pandoro non sono così marcate come ci si può aspettare.

Osservando bene entrambe le ricette classiche, risulta evidente di come siano dei dolci molto calorici.

Sempre secondo le ricette classiche si notano come le differenze nutrizionali siano minime.

Il pandoro con le sue 280 Calorie per porzione risulta il più calorico.

Contiene più grassi, come il burro ma meno zuccheri.

Il panettone, con le sue 260 Calorie per singola porzione è leggermente meno calorico, questo per via della presenza più elevata di zuccheri a discapito dei grassi.

Questi dolci tradizionali delle feste Natalizie appaiono, quindi, sostanzialmente uguali.

Sono entrambi ricche di grassi e di zuccheri, contengono una discreta quota proteica e vantano una piccola presenza di fibre.

Qual è la porzione consigliata?

La porzione consigliata di panettone o di pandoro è di circa 80 grammi.

Possono essere mangiati tranquillamente dopo i classici pranzi natalizi ma per via dello scarso potere saziante, e delle tante Calorie che apportano, vanno mangiati con moderazione limitandoli ai soli giorni di festa, così da non trovare spiacevoli sorprese sulla bilancia dopo le abbuffate Natalizie.

Infine un consiglio per chi soffre di glicemia alta e non vuole rinunciare a un piccolo assaggio di questi deliziosi simboli del Natale: per contenere la risposta insulemica una piccola porzione, in questi casi, è più consigliata dopo un pasto principale che non come spuntino “solitario”.

Guarda come riutilizzare i dolci Natalizi non consumati a Natale per preparare un ottimo dessert: calici di pandoro e torrone

 

condividi su
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr


Strumenti Utili

BMI,
Indice di massa corporea

Calcolo online dell'indice di massa corporea

vai al BMI
CC,
Consumo calorico nell'attività fisica

Calcolo online del consumo calorico nell'attività fisica

vai al CC
MB,
Metabolismo Basale

Calcola il tuo metabolismo basale

vai al MB

Dottore Nutrizionista

Giulio D'Aurizio

specialista dell'alimentazione regolarmente abilitato riceve per appuntamento nei seguenti studi

Vasto,
studio privato

Via Goldoni, 8
angolo con via Madonna dell'Asilo

347 65 60 242
347.6560242
Torino Di Sangro,
Centro Tauros

Via Alcide De Gasperi, 4

0873 91 35 65
347 65 60 242
Casalbordino,
Poliambulatorio Casalus

Via Portanuova, 2

347 65 60 242