Tè verde: gli effetti antitumorali

Tè verde: gli effetti antitumorali

Il tè verde cosa contiene?

Il tè verde è uno degli alimenti con il più alto potere anticancro a nostra disposizione.

E’ considerato un nutraceutico e il consumo costante, se inserito anche in una serie di buone abitudini alimentari, aiuta a prevenire l’insorgenza e il rischio di tumori.

Il tè verde giapponese è ricco di polifenoli e in particolare di catechine rappresentate principalmente dall’epigallo-catenchin-3-gallato (EGCG) alla quale sono attribuiti la maggior parte degli effetti biologici della bevanda.

Quali sono gli effetti antitumorali?

Gli studi condotti negli ultimi anni suggeriscono che le sostanze naturali contenute nel tè verde possano svolgere un’azione chemio preventiva per molti tumori.

E’ stato riscontrato che le catechine hanno una doppia capacita: agirebbero sia come antiossidanti per rimuovere i radicali liberi, sia come inibitrici della crescita delle cellule tumorali in vitrio e negli animali da esperimento.

In alcuni tipi di cellule, come in quelle del colon e della prostata, l’EGCG è stato in grado di indurre apoptosi (morte programmata) con l’arresto del ciclo cellulare.

L’EGCG si è rivelato efficacie anche per prevenire o rallentare i tumori della pelle già formati e dovuti all’esposizione ai raggi UVB mentre ulteriori ricerche hanno scoperto che è in grado di svolgere un’attività anti-angiogenica impedendo, di fatto, la vascolarizzazione tumorale.

Come prepararlo correttamente?

Il tè verde andrebbe sempre assunto come infuso o estratto poiché integratori o bevande in bottigliette non hanno dimostrato gli stessi effetti benefici.

Si consiglia, in ogni modo, l’assunzione sotto forma di foglie che sono da preferire anche ai classici sacchetti, questo per assimilare al massimo i polifenoli.

Per beneficiare dei potenziali effetti antitumorali delle catechine è importante anche rispettare una serie di accortezze nella preparazione della bevanda.

Si raccomanda, per conservare aromi e proprietà delle foglie, di evitare di portare la temperatura dell’acqua a ebollizione ma  di scaldarla fino a circa 80 °C, controllabile con un termometro per alimenti.

Le foglie di tè devono essere poste in una teiera o in una tazza di ceramica escludendo i recipienti metallici, questo per evitare che il metallo a contatto con il calore modifichi le catechine annullandone in parte gli effetti positivi.

L’infusione, rigorosamente coperta per non disperdere i vapori, deve durare 10 minuti, anche 8 minuti vanno bene e comunque non meno di 5, per dare modo a tutte le sostanze contenute nelle foglie di “trasferirsi” nell’acqua.

A questo punto filtrare adoperando sempre utensili non in metallo ed eventualmente dolcificate con miele evitando, se possibile, l’uso dello zucchero bianco raffinato.

La bevanda va bevuta in breve tempo e può essere anche aromatizzata con una fetta di limone che aumenta la biodisponibilità, e quindi l’assorbimento, dei polifenoli.

Gli studi suggeriscono di bere non meno di 2 tazze al giorno di tè verde, sotto forma di foglie, un cucchiaino per tazza, anche se l’ideale sarebbero 4.

Infine è bene ricordare che il tè va assunto sempre lontano da latte e derivati vari, almeno mezz’ora dopo, perché la loro azione rende meno biodisponibili, e quindi meno assimilabili dall’organismo, i polifenoli e le catechine.

E’ importante ugualmente conservare le foglie all’asciutto e in un posto buio o in un recipiente scuro.

Il tè verde, con il suo pesante bagaglio di polifenoli e con la presenza dell’EGCG, se assunto con quotidiana regolarità, ha dimostrato di poter avere un potenziale ruolo protettivo nella lotta ai tumori ma sempre se integrato in una già corretta alimentazione.

condividi su
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr


Strumenti Utili

BMI,
Indice di massa corporea

Calcolo online dell'indice di massa corporea

vai al BMI
CC,
Consumo calorico nell'attività fisica

Calcolo online del consumo calorico nell'attività fisica

vai al CC
MB,
Metabolismo Basale

Calcola il tuo metabolismo basale

vai al MB

Dottore Nutrizionista

Giulio D'Aurizio

specialista dell'alimentazione regolarmente abilitato riceve per appuntamento nei seguenti studi

Vasto,
studio privato

Via Goldoni, 8
angolo con via Madonna dell'Asilo

347 65 60 242
347.6560242
Torino Di Sangro,
Centro Tauros

Via Alcide De Gasperi, 4

0873 91 35 65
347 65 60 242
Casalbordino,
Poliambulatorio Casalus

Via Portanuova, 2

347 65 60 242